Cafarnao

E' il villaggio in cui la tradizione cristiana ambienta l'episodio della moltiplicazione dei pani e dei pesci di Gesù ( anche se spesso è citata la vicina Tabgha) e in cui lo stesso predisse la propria morte. Insieme al vicino villaggio di Korazim e la già citato Bethsaida, è meta dei di pellegrinaggi dei fedeli sulle tracce dei luoghi santi.

Il villaggio deriva il nome dal toponimo ebraico Kfar Nahum, " villaggio di Nahum", di dubbia interpretazione etimologica        ( per alcuni studiosi, infatti, Nahum è un profeta, per altri il nome significa "villaggio della consolazione").

Sulla riva settentrionale del lago Tiberiade, in epoca ellenistica la città costituiva un importante luogo di passaggio verso la Siria. si conquistò la fama grazie alla presenza di Gesù ( che abitò nella casa di Simon Pietro dopo aver lasciato Nazareth), ma anche dopo ebrei e romani continuarono a convivere in modo pacifico, tanto da collaborare per la costruzione della grandiosa sinagoga del IV secolo. Durante alcuni scavi sono state portate alla luce preziose testimonianze architettoniche del passato, come i resti di una basilica bizantina, che dovette essere costruita sulla casa di Simon Pietro, e le fondamenta di abitazioni di età imperiale.

La sinagoga è una delle più grandi testimonianze di culto ebraico di epoca bizantina in galilea: articolata su due edifici, aveva una sezione dedicata a una scuola per scribi. Sotto  i livelli bizantini sono state riportate alla luce abitazioni private romane, che dovettero appartenere al ceto popolare.Costruite su un unico piano con muri divisori a secco, erano affacciate su cortili, il chè testimonia che appartenevano alla medesima famiglia.

Della basilica bizantin( metà V sec.), invece, restano le fondamenta.La struttura doveva essere articolata su due ottagoni concentrici, circondati da un poortico e muniti di ingressi.Il lato est in epoca successiva fu corredato di un battistero, del quale oggi resta l'abside. Splendide le decorazioni musive che ricoprono sia il pavimento della chiesa, sia quello del battistero; il mosaico centrale della basilica raffigura un pavone con motivi ornamentali geometrici e una cornice con fiori di loto.

Sul sito della basilica, la tradizione cristiana ambienta la Casa di Simon Pietro , dove fu ospitato Gesù: alcuni scavi hanno riportato alla luce un complesso abitativo del I secolo d.C. proprio sotto  la pavimentazione della chiesa. Sulle pareti della casa più grande ( presumibilmente quella di Pietro) sono stati trovati graffiti e incisioni che testimoniano come già dopo la morte del Cristo questo dovette essere un luogo di culto e devozione.

L'intera aerea è interessat da scavi, che finora hanno prtato alla luce altri nuclei abitativi, come le abitazioni private rinvenute nel 2004 a est della vecchia strada che attraversava la città. All'interno della cerchia muraria sono stati disposti alcuni ritrovamenti originari della sinagoga, tra cui il frammento di una colonna che arreca un' iscrizione cristiana e una pietra con un basso-rilievo che raffigura un tempio su due ruote ( si tratta presumibilmente dell'arca che conteneva i rotoli della legge.)